MUSE A TUTTO LIBRO

incontri con gli autori e i loro racconti

MUSE A TUTTO LIBRO

incontri con gli autori e i loro racconti

 

primo appuntamento con DONATO GRASSO e il suo

"Il formicaio intelligente", per scoprire come funziona il piccolo mondo delle formiche e quanto possa essere utile all'uomo

 

 

"MUSE a tutto libro" è il nuovo ciclo di incontri con autori e autrici proposto dal MUSE Museo delle Scienze di Trento a partire da marzo 2019. Al centro di ogni incontro ci sarà un tema scientifico e sociale contemporaneo di interesse pubblico, un libro di recente pubblicazione e il suo scrittore che – come in un salotto informale - converserà con le persone presenti, intrecciando un dialogo con un esperto del Museo. I libri selezionati per questo ciclo  trattano precise questioni inerenti la natura, la scienza e l'ambiente; tra gli appuntamenti trovano posto anche racconti di viaggi ed esplorazioni inusuali e opere letterarie sul vasto tema della cultura scientifica. Ogni i appuntamento si concluderà con un momento conviviale, un piccolo brindisi, dove il pubblico potrà scambiare opinioni sul tema dell'incontro o chiacchierare a ruota libera con relatori e relatrici. Il primo appuntamento di "MUSE a tutto libro" - mercoledì 20 marzo 2019 alle 20.30 – vedrà come protagonista l'intricato ma organizzatissimo mondo delle formiche, fonte di ispirazione per numerose ricerche in ambito scientifico. Ne parleranno Donato Grasso, Professore Associato presso l'Università di Parma e mirmecologo, autore di "Il formicaio intelligente", e Osvaldo Negra, mediatore culturale del MUSE.

 

IL FORMICAIO INTELLIGENTE

Una colonia di formiche è un microcosmo organizzato, efficiente, autonomo, collaborativo. Un superorganismo dove i singoli individui, obbedendo ciascuno a semplici regole, fanno emergere complessi comportamenti collettivi. Così migliaia di specie di formiche hanno colonizzato tutti gli angoli della Terra. Costruiscono nidi complessi, coltivano, allevano, sanno combattere come un esercito addestrato ma senza capi. Le nostre società di Homo sapiens sono molto diverse da quelle delle formiche. Possiamo però studiare il successo evolutivo di questi insetti per inventare applicazioni pratiche utili alla nostra specieGli algoritmi che si ispirano alle regole di un formicaio sono utili in molti ambiti, dall'ottimizzazione di Internet alla gestione del traffico stradale. Le formiche sanno bene come trovare la via più breve ed evitare ingorghi. Le zattere che formano intrecciando i loro corpi quando il nido viene alluvionato potrebbero ispirare la progettazione di nuovi materiali e di robot autoassemblanti. Alcune specie di formiche potrebbero essere usate nella lotta biologica agli insetti nocivi. Nuove molecole che sono state isolate dal veleno delle formiche potrebbero risultare efficaci contro i ceppi di batteri patogeni super resistenti. Ci sono migliaia di modi diversi di essere formica: frammenti di natura che nascondono tesori preziosi di inimmaginabile bellezza.

 

Le formiche sono i più organizzati tra gli insetti sociali: costruiscono complesse architetture per i loro nidi, reperiscono cibo per la colonia, coltivano funghi in apposite camere, combattono i nemici come un esercito addestrato. Tutto per il bene del formicaio, in assenza di capi a dirigerle. La loro biologia ci ha svelato le basi genetiche dell'altruismo e ha spiegato come possano emergere comportamenti collettivi complessi, anche in assenza di un cervello dominante.

 

 

Mercoledì 20 marzo 2019, ore 20.30 |@MUSE - Museo delle scienze

Quando

mercoledì 20 marzo 2019

Info @

Organizzatore: MUSE - Museo delle Scienze

Dove

MUSE - Corso del Lavoro e della Scienza, 3