La Convenzione sui diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza è il trattato internazionale più ratificato al mondo; è stata approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989 ed è diventata legge dello Stato italiano il 27 maggio 1991.
Per festeggiare questo anniversario lunedì 27 maggio 2019, presso la Sala Conferenze del MUSE, abbiamo organizzato un incontro, che ha visto protagonisti adulti e ragazzi.

Durante il pomeriggio è stato presentato il Progetto “Musei e Biblioteche Amici dei Bambini e degli Adolescenti”; è stato integrato al Programma UNICEF Italia Amica dei bambini e degli adolescenti ed è stato sviluppato grazie al contributo del Dipartimento Salute e Solidarietà Sociale della Provincia Autonoma di Trento, del Comitato UNICEF di Trento e del MUSE – Museo delle Scienze. Partendo dalla consapevolezza che la responsabilità educativa riguarda tutta la comunità, il Progetto - come gli altri Programmi di UNICEF Italia - è stato elaborato sulla base dei quattro principi fondamentali della Convenzione, ovvero non discriminazione, pieno sviluppo del bambino, migliore interesse nelle scelte che riguardano i bambini e gli adolescenti, ascolto e partecipazione. Questo è stato fatto per offrire ai Musei e alle Biblioteche la possibilità di entrare in modo consapevole e con le proprie competenze, nel lavoro congiunto che altre istituzioni mettono in atto per dare pari opportunità di apprendimento e di crescita ai bambini e agli adolescenti. Dopo la lunga sperimentazione e sistemazione del quadro degli indicatori, unitamente alla presentazione del Progetto, il Muse è stato proclamato il primo Museo Amico dei Bambini e degli Adolescenti d’Italia.

Successivamente l’incontro è proseguito con la premiazione del concorso “Ma lo sai che … puoi cantare i tuoi diritti?”, progetto promosso dal Tavolo delle Politiche Sociali TN 0-18. Il Tavolo è operativo dal 2011 ed è composto dai servizi sociali, da diverse realtà del privato sociale e da UNICEF Trento. Gli scopi principali sono l’attuazione e la divulgazione dei contenuti della Convenzione dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza e fin dal principio ha individuato nel protagonismo dei bambini e dei ragazzi attraverso l’uso dei linguaggi artistici una delle piste più proficue a sostegno dei loro diritti.

Per l’anno scolastico 2018/19 la quarta edizione del Concorso ha richiesto ai partecipanti una riflessione specifica sul diritto delle bambine, dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi di crescere sviluppando nel miglior modo possibile le proprie potenzialità: fisiche, mentali, spirituali, morali e sociali. Il diritto, cioè, ad una vita piena (art. 6) e ad un’educazione che porti allo sviluppo di persone capaci di “abitare” la società in cui vivono vedendo rispettati i propri diritti e rispettando i diritti di tutti (art. 29); a persone attente alla propria salute, capaci di prendersi cura di sé e degli altri (art.24).

Al concorso hanno partecipato una scuola materna, una scuola elementare, due realtà del privato sociale e tre istituti superiori, per una somma finale di 175 bambini e ragazzi coinvolti.
I vincitori del concorso “Ma lo sai che … puoi cantare i tuoi diritti?” sono:

- primo posto "noi ... tutti" - Centro di Aggregazione Giovanile l’Area APPM Centro ONLUS 



- secondo posto "lasciateci sognare" - del Liceo linguistico Sophie Scholl 


- terzo posto "la marcia dei diritti" - Scuola Primaria De Gaspari (3^A - 3^B)

 

Un intero pomeriggio, quello del 27 maggio, dedicato alla festa per l’impegno degli adulti nei confronti dei bambini e dei ragazzi con un progetto nato a Trento diventato nazionale e un Museo che diventa “amico dei bambini e degli adolescenti”, ma anche un momento per fare festa con i bambini e i ragazzi che si sono impegnati per promuovere i loro diritti attraverso linguaggi nuovi e originali.

Partner

Dipartimento Salute e Solidarietà Sociale PAT Comitato UNICEF di Trento MUSE – Museo delle Scienze
Ambiti memoria-democrazia-legalita