Buildering o street boulder...Urban climbing...Grimpe urbaine. Mai sentito parlare di questi termini? E se dicessimo arrampicata urbana, vi risuona nella mente?

Si tratta, come dice il nome stesso, dell'attività di arrampicata su massi, naturali o artificiali, nata intorno agli anni settanta. 

E dire che la nostra città conosce questa disciplina da almeno 7 anni considerato lo svolgimento del contest Block and Wall, evento che attira ogni anno sempre più giovani e sponsor (vedesi la Sportiva, ad esempio).

Infatti, sono stati ben 501 gli iscritti all'evento di sabato 26 maggio provenienti da tutte le parti dello Stivale, da Bolzano a Pavia, da Belluno all'Aquila; non è mancata nemmeno la presenza di giovani francesi, spagnoli, austriaci e tedeschi pronti a cimentarsi nei vari blocchi di arrampicata segnati lungo le vie del centro storico.

Insomma, un evento ad altissimo tasso di partecipazione giovanile, professionisti e non, uniti dalla passione per l'arrampicata e dalla speciale occasione che una volta l'anno permette loro di praticarla a mani nude sulle facciate di case e palazzi trasformando cornicioni, pareti e grondaie in guglie dolomitiche.

Il contest è organizzato dall’associazione sportiva dilettantistica Block and Wall che in un'intervista riferisce:“Uno dei progetti primari è per noi organizzare la manifestazione di Urban Boulder per regalare a tutti gli appassionati di questa disciplina la possibilità di invadere letteralmente il centro storico con i crash-pad e risolvere i vari tracciati, tutto ciò in una giornata dedicata all’arrampicata, alla socialità ed al divertimento”.

Quest'anno c'erano ben 40 tracciati di diverse difficoltà, alcuni di prova e altri di gara, situati in oltre 15 zone del centro: piazza Duomo, Camera di Commercio, piazza C. Battisti, nei vari vicoli del centro e in molti altri punti.

I migliori avevano accesso alla fase finale svoltasi al parco del Muse, dove la festa ha avuto inizio dalle 18.30 con l'accompagnamento di musica, cibo e bevande. 

Ancora una volta si è avuta un'occasione di incontro e scambio, di rinnovamento delle abitudini e del concetto di normalità per questa quieta città. Ci attendono altri importanti appuntamenti prossimamente, ma questo tenetelo a mente per l'anno prossimo! 

Riprese e montaggio: Aaron Giordani

Testo: Hajar Boudraa

 

Ambiti movimento-e-sport