Nel progetto A piedi sicuri dal 2010 sono stati attivati i Piedibus: “autobus" che si muovono a piedi formati da una carovana di bambini che ogni mattina vanno a scuola in gruppo, accompagnati da almeno due adulti, un “autista” davanti ed un “controllore” in fondo, che chiude la fila.

piedibuspiedibus1

Il Piedibus parte da un punto prefissato e si ferma alle varie fermate, “raccogliendo” i passeggeri e seguendo un orario prestabilito. I bambini possono in questo modo recarsi a scuola in compagnia, conoscere meglio il proprio territorio e fare del movimento, ma con la sicurezza di due accompagnatori adulti.

 

meano piebus

Nell'a.s. 2016/2017 il Piedibus è attivo in tre scuole primarie della città: Vela - Cognola - Meano, con il coinvolgimento di oltre 50 genitori volontari e di 120 bambini. L'Ufficio Politiche Giovanili, oltre al supporto assicurativo, mette a disposizione, giubotti ad alta visibilità per gli accompagnatori e cappellini per bambini/passeggeri.

giubotto alta visibilitàcappellini piedibus

Dalla.s. 2015/2016, grazie alla collaborazione con la Fondazione Bruno Kessler (progetto CLIMB), dopo un percorso di ascolto delle esigenze dei genitori volontari dei Piedibus e degli insegnanti, sono stati sviluppati supporti informatici utili al progetto.

Il progetto CLIMB si collega in modo organico con il programma “A Piedi Sicuri” e lo supporta con un insieme di soluzioni che vogliono favorirne la sostenibilità e incrementarne ulteriormente il livello di coinvolgimento da parte di cittadini e famiglie. Le tecnologie al servizio della mobilità indipendente dei bambini messe in campo dal progetto CLIMB vertono attualmente sul servizio di “Piedibus”. Per il supporto al Piedibus, sono state sviluppate le seguenti tecnologie:

- App mobile per i volontari della “linea” del Piedibus permette di gestire le varie attività del servizio (gestione dei turni di volontari, sostituzione itinerari, presenze giornaliere dei bambini,…)

- Dispositivi sensoriali mobili per volontari e bambini che permettono di registrare la presenza dei bambini/passeggeri e dei volontari alle fermate e durante il cammino del Piedibus. Tali dispositivi, integrati con l’applicazione mobile, permettono di automatizzare a raccolta di informazioni sui bambini che prendono parte al Piedibus per ogni singolo giorno e per ciascuna fermata.

fbk

- Un sistema di gioco - “Il cammino del Piedibus” - che supporta il coinvolgimento nel servizio del Piedibus tramite la tecnologia persuasiva detta della “gamification”. In tale gioco, ogni classe di una scuola partecipante rappresenta una squadra, che guadagna un numero di punti equivalente ai passi fatti dagli alunni della classe e dai genitori/volontari che partecipano al Piedibus di giorno in giorno. La App sopra menzionata permette di automatizzare il gioco, raccogliendo in modo automatico i passi fatti da alunni e volontari. Il totale dei passi accumulati viene trasformato in distanza chilometrica, e rappresentato come un avanzamento progressivo della classe su una mappa e all’interno di un cammino multimediale con numerose tappe da raggiungere e con contenuti didattici associati (per es. storia e geografia del territorio, scienze naturali, turismo, ecc.) scelti dagli insegnanti della singola classe. Il cammino viene visualizzato tramite l'applicazione Web sulla LIM di classe, su dispositivi tablet o su personal computer.

 

fbk1

 

Sono in svolgimento le prime sperimentazioni per il Piedibus Smart nelle scuole di Meano e Vela e per "Il cammino del Piedibus" alla scuola Vela.

 

Il progetto “Bambini a Piedi Sicuri e Piedibus Smart” ha ricevuto un importante riconoscimento a livello nazionale con la premiazione da parte dell’Associazione Comuni Virtuosi, classificandosi al primo posto nella categoria “mobilità sostenibile” (Parma - 17 dicembre 2016).

 

Guarda il video del Piedibus di Meano!

 

 

 

 

Info:

Politiche giovanili

Rosanna Wegher
0461 884837
rosanna_wegher@comune.trento.it

 

TagCloud   arte     bandi     città     condivisione     creatività     cultura     curiosità     divertimento     giovani     informazione     mondo     musica     opportunità     rete     sensibilizzazione