Piazza Duomo si è tinta di rosso lo scorso sabato 14 novembre. Rosso come i nastri dei cappelli dei laureandi, rosso come il colore della laurea. Un giorno speciale per tanti: per la città, per l'Università di Trento, per familiari e amici. Ma soprattutto per loro, i 366 ragazzi e ragazze a cui questa giornata era dedicata. Per la prima volta a Trento la cerimonia di laurea si è svolta pubblicamente e ha restituito un momento di soddisfazione a quanti hanno passato gli ultimi anni sui libri.
Mi faccio spazio tra folla - che insieme al Nettuno e alla Cattedrale fa da cornice all'evento - ed eccoli: centinaia di giovani "intogati" e incappellati. Le autorità salgono sul palco e il Rettore Paolo Collini dà inizio alla cerimonia invitando tutti i presenti ad un momento di silenzio per quanto accaduto a Parigi soltato poche ore prima.
E' quindi il momento dei discorsi, con il sindaco Alessandro Andreatta, l’assessora all’università e ricerca della Provincia Sara Ferrari, il presidente del Consiglio di Amministrazione dell’Università di Trento Innocenzo Cipolletta e alcuni casi di eccellenza come Alessandro Rossi, ex studente dell'Unitn ora direttore marketing alla Barilla. Al centro di tutto è il nostro ateneo, che quest'anno ha superato un importante traguardo, quello di cinquantamila laureati da quando nel 1962 è stato istituito.
Sono sempre di più i ragazzi che di anno in anno portano a termine il loro percorso di studi all'Università di Trento. Molti di loro vengono da fuori regione, come è subito evitente ascoltando i diversi accenti dei presenti alla cerimonia. Alcuni studenti arrivano persino dall'estero, ed infine i trentini, circa la metà. Tutti comunque assieme su questo palcoscenico ad aspettare la tanto attesa pergamena, ultimo formale traguardo di un'esperienza di vita.
Ecco allora che in un clima a metà fra l'istituzionale e il goliardico - quello dei cori da stadio di chi è venuto da lontano per acclamare l'amico di sempre - uno a uno i Dottori vengono chiamati sul palco a ritirare ufficialmente il diploma dalle mani del Rettore.  Sono gli studenti che hanno concluso gli studi nelle sessioni di luglio - settembre, dei corsi di laurea di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica, Ingegneria e Scienza dell’Informazione, Ingegneria Industriale, Fisica, Matematica, Psicologia e Scienze Cognitive, CIBIO - Centro di Biologia Integrata, Lettere e Filosofia, Sociologia e Ricerca Sociale. Chiedo ad alcuni dei presenti come vedono questa novità della cerimonia pubblica. Qualcuno - titubando - si lascia andare al facile paragone con "l'americanata" che siamo abituati a vedere nei film; chi un po' rimpiange la consueta dicussione della tesi seguita dalla proclamazione dello studente vissuta come un momento più intimo e personale. In generale però la sentenza è positiva: l'evento viene percepito per ciò che è, un'occasione per riconoscere pubblicamente l'importanza dell'Università e degli universitari. E l'emozione nell'aria è palpabile in una mattina di autunno trentino come tante, ma unica per tutti loro.

 

Annalia Zambotto

TagCloud   arte     bandi     città     condivisione     creatività     cultura     curiosità     divertimento     giovani     informazione     mondo     musica     opportunità     rete     sensibilizzazione