Archeoastronomia: la “scienza delle pietre e delle stelle”

Mercoledì 7 dicembre alle 16.30, al MUSE, troverà spazio una scienza molto particolare, l’archeoastronomia.

A raccontare gli orientamenti di antichi edifici (templi, dolmen, menhir, cromlech, chiese) in funzione di fenomeni celesti, come per esempio il sorgere ed il tramontare del Sole o della Luna, i solstizi, gli equinozi o le eclissi, sarà Andrea Orlando, astrofisico e fondatore e presidente dell’Istituto di Archeoastronomia Siciliana.

L’Archeoastronomia è una scienza multidisciplinare che fornisce un contributo importante alle ricerche che coinvolgono i monumenti di età preistorica e storica: infatti, i dati forniti dai suoi studi sono utili per comprendere le modalità con cui i nostri antenati concepivano il tempo e lo spazio, ma anche per ricostruire una visione di nascita del cosmo spesso non apprezzabile attraverso le indagini archeologiche e la cultura materiale dell’uomo, nell’antichità.

 

7 dicembre, ore 16.30 | @MUSE

Quando

giovedì 07 dicembre 2017
Dalle 16:30 alle 18:00

Dove

MUSE - Corso del Lavoro e della Scienza, 3